Cementite: tutti gli usi per il fai da te

La cementite è un prodotto costituito da particolari resine e consiste in una sorta di “vernice di fondo” che copre e rende uniforme il legno che vogliamo dipingere. Quando parliamo di bricolage la cementite diventa un alleato fondamentale da usare in tutti i piccoli ( o grandi) lavori di falegnameria casalinga. Infatti, costituisce uno strato “gessoso”sul legno grezzo e lo rende pronto ad essere verniciato in modo compatto e omogeneo. La cementite viene venduta nei negozi di ferramenta e nei colorifici ed è importante averla sempre a disposizione quando ci si appresta ad eseguire lavori di tinteggiatura del legno o ci si sperimenta in originali creazioni con la tecnica del découpage.

Se vi apprestate ad utilizzarla ecco tutti i consigli sulla cementite per legno di colorivernici.it

Quanti tipi di cementite esistono?

Esistono due tipi di cementite per il legno; quella “a base acquosa“, e quella “ a base di solvente” La cementite più utilizzata è quella a base acquosa, perché più reperibile nei negozi e più semplice da adoperare. Può essere facilmente usata anche da chi si cimenta per la prima volta in lavoretti artigianali ed ha il vantaggio di produrre minime quantità di sostanze tossiche. Lo svantaggio invece, risiede nel fatto che presenta una minore resistenza alle intemperie, per cui il rischio è che l’oggetto del nostro lavoro potrà deteriorarsi maggiormente se si trova in un ambiente esterno. La cementite” a base acquosa” asciuga più rapidamente dell’altra per cui bisogna essere molto attenti a stenderla in maniera uniforme. La cementite “a base di solvente” invece è il prodotto di elezione per infissi e oggetti d’arredo per esterni. Questo prodotto è indicato per i più esperti e, anche se le modalità di applicazione sono semplici, è necessario prendere delle precauzioni, come indossare guanti e mascherine apposite, o tute “usa e getta”, in quanto sprigiona sostanze nocive. La cementite a solvente ha bisogno di più tempo per asciugarsi per cui va utilizzata in ambienti a basso tasso di umidità. I pennelli poi, vanno lavati accuratamente con acqua ragia altrimenti non possono essere riutilizzati.

Come si applica la cementite

I sistemi di applicazione della cementite sono: “a rullo” per superfici ampie; con un pennello a pelo raso o utilizzando bombolette spray. Quest’ultima procedura però, ha diverse controindicazioni. Il sistema migliore rimane senza dubbio il pennello. Si applica una prima mano, che si farà asciugare perfettamente, infine si carteggia la superficie interessata fino a levigarla completamente. Quindi, si può passare una seconda mano e si leviga nuovamente la superficie con una carta abrasiva.

Consigli per applicare la cementite su legno vecchio e su legno nuovo

Prima di stendere la cementite su una superficie precedentemente verniciata occorre:
– togliere la vecchia vernice
– levigare la superficie
– controllare che non siano rimasti residui e pulire perfettamente il mobile.
A questo punto possiamo passare la cementite e proseguire con la verniciatura scelta.
Invece, in un mobile nuovo è necessario verificare che il mobile sia asciutto e perfettamente pulito.
In entrambi i casi è importante che le condizioni climatiche siano ideali, l’umidità non deve superare il 60% e la temperatura deve essere tra i 10 e i 30 gradi. Poi, il mobile deve essere posto ad asciugare in un luogo abbastanza asciutto e attendere 12 / 24 ore prima di trattarlo nuovamente. La cementite è un prodotto d’elezione per la tecnica del découpage per arrivare ad un risultato finale che ripaghi degnamente il nostro impegno.