Le diverse tipologie di amianto: che differenze ci sono e qual è il più pericoloso

L’amianto è un materiale che può esser prodotto in due tipologie diverse. Ecco nel dettaglio di che cosa si tratta, quali sono le differenze quale dei due è più o meno pericoloso per la salute.

Amianto compatto

Una delle due tipologie di amianto che esiste è quello compatto. In tal caso, le fibre di amianto sono racchiuse in una matrice cementizia. Il materiale che si viene a creare è una specie di pannello solido che al suo intero contiene le fibre di amianto, detto anche asbesto. Il famoso eternit è proprio una tipologia di amianto compatto che veniva usato moltissimo prima della scoperta della sua pericolosità per la salute, cioè solo nel 10990. Dal 1992 è diventato vietato usare amianto compatto come l’eternit per qualsiasi tipo di scopo. Si tratta di una tipologia un po’ meno pericoloso perché le fibre sono bloccate nel materiale. Il problema si presenta nel momento in cui il materiale si deteriora e le fibre sono liberate. Le intemperie, l’’usura, la sua rottura o la lavorazione può compromettere l’integrità dell’eternit che fa dispendere nell’aria le fibre cancerogene.

Amianto fibroso

La tipologia più pericoloso che c’è di amianto è quello fibroso. In questo particolare caso, le fibre di amianto sono del tutto libere e, essendo molto sottili, si sollevano in aria molto facilmente e possono essere respirate, una volta che le fibre entrano nei polmoni, non escono e danno origine a diversi disturbi polmonari.  Queste fibre si potevano trovare nelle fabbriche dove veniva prodotto l’eternit, per esempio, e chi lo lavorava spesso non aveva nemmeno e le protezioni perché non si conosceva il rischio al tempo. Le fibre dell’amianto devono essere maneggiate con moltissima cura per evitare il contatto. Le protezioni, in questo caso, assumono una rilevanza ancora maggiore.

In caso di solo sospetto di presenza di amianto, sia esso compatto o in fibre, è obbligatorio chiamare gli specialisti: il fai da te è altamente sconsigliato. Per altri dettagli, clicca qui www.smaltimentoamiantoroma.info .