Quando la terapia di coppia è davvero utile

Sono sempre stata scettica in merito alle terapie di coppia: ero convinta che fossero inutili e oltre a questo l’idea di parlare dei miei problemi ad un perfetto estraneo non mi piaceva per niente. Ho sempre pensato, sbagliando, che ogni cosa si potesse risolvere all’interno della coppia, senza dover chiedere a nessuno di intervenire e dare il proprio parere. Piuttosto ascoltavo i consigli di amici e parenti che solo in seguito ho capito essere poco affidabili perché stavano dall’una o dall’altra parte a prescindere. Il primo giorno che mi sono rivolta ad una psicologa l’ho fatto insieme al mio compagno: non vedevamo altra via d’uscita. Abbiamo detto: proviamo, tanto ormai non abbiamo più nulla da perdere! L’idea è stata sua: io non avevo nessuna voglia di confidare i miei problemi e le mie frustrazioni ad un estraneo ma alla fine ho ceduto. Abbiamo trovato alcune informazioni online su siti come www.psicologotrento.net che un po’ alla volta mi hanno convinta, così abbiamo fissato un appuntamento.

Non starò qui a raccontarvi come si è svolta la seduta: si tratta pur sempre di un qualcosa di personale ed è già stato abbastanza difficile, all’inizio, parlarne con lo psicologo. Voglio però esprimere la mia riconoscenza a questo professionista, perché probabilmente senza il suo aiuto oggi non saremmo la coppia felice che siamo. Io e il mio compagno eravamo innamoratissimi e lo siamo tutt’ora. Dopo qualche anno di convivenza, però, ci siamo ritrovati in una situazione di stallo: litigavamo ogni giorno e ogni giorno di più crescevano l’astio e la rabbia. Io mi sentivo incompresa, non ascoltata, ormai si era spenta anche la passione e l’unica cosa che ci rimaneva era il disprezzo che ognuno di noi provava nei confronti dell’altro.

Le prime sedute sono state conoscitive, poi ci siamo addentrati nei vari problemi ed è stato a quel punto che qualcosa ha iniziato a cambiare. Quello che ci mancava era proprio la comunicazione. Non parlavamo più, non cercavamo più di comprenderci l’un l’altro perché eravamo troppo impegnati a criticare e vedere le cose solo dal nostro punto di vista. Lo psicologo ci ha aperto un mondo nuovo: un po’ alla volta nel corso delle sedute iniziavamo a comprenderci, a metterci l’uno nei panni dell’altro.

Avevamo bisogno di una figura professionale di questo tipo, perché non saremmo mai riusciti a sederci e parlare tranquillamente. Erano passati troppi anni e con il tempo avevamo creato dei muri troppo alti da oltrepassare. Grazie alla terapia di coppia, dopo qualche mese abbiamo ricominciato a comunicare, a capire i bisogni ed i desideri dell’altro. Tutto si è sistemato in un modo che mai avrei potuto immaginare e nemmeno sperare. La terapia di coppia di ha aiutati davvero, e ancora oggi faccio un po’ di fatica a riconoscerlo visto che ero partita con uno scetticismo disarmante.

Spesso le storie finiscono perché nascondiamo nel nostro profondo una serie di questioni che basterebbe tirare fuori e risolvere. Non è difficile, ve lo posso assicurare, e una terapia di coppia è spesso l’unica strada che si può intraprendere per uscire da questa situazione di stallo.