Ti sei mai chiesto come funziona un pozzo nero o una fossa biologica? Ecco svelato il tuo dubbio

Che cos’è

Il pozzo nero, o la fossa biologica che ha molte similitudini, è una sorta di vasca che ha il compito di raccogliere tutte le acque di scarico di una casa, o un gruppo di casa, che si trova troppo distante per essere allacciata alla normale rete fognaria. Questa vasca, che può essere realizzata con diversi materiali, viene interrata e tutti gli scarichi di casa confluiscono qui dentro.

I due principi che consentono dal pozzo nero di funzionare

Il pozzo nero, al pari della fossa biologia, funziona grazie a due principi del tutto naturali, cioè non innescati dall’uomo da tecnologie particolari.

  1. La separazione delle sostanze. Il primo principio che consente a un pozzo nero di funzionare è dovuto alla differenza di peso delle diverse sostanze. I liquami e i fanghi più pesanti, una volta nel pozzo, cadono verso il basso e si depositano sul fundo, mentre le sostanze più leggere stanno sulla superficie, galleggiando.
  2. La parziale depurazione. La seconda azione che fa funzionare questo sistema è innescata da una serie di batteri e i microorganismi anaerobici che digeriscono alcune sostanze presenti dell’acqua sporca. Il delicato equilibrio batterico che si forma all’interno del pozzo consente una parziale depurazione delle acque.

Come tenerlo pulito

Oltre a non introdurre nulla che non sia acqua e deiezioni all’interno dello scarico, per tener pulito il pozzo nero è necessario richiedere con una certa regolarità un intervento di spurgo fognature Roma. dopo qualche anno, si riesce a capire quanto impiega il pozzo a riempirsi e diventa perciò facile prenotare, anche con largo anticipo, l’appuntamento con la ditta di spurgo, la quale interviene con i mezzi appositi. Tutto il contenuto del pozzo viene prelevato con un’autocisterna per poi essere portato presso un impianto di depurazione delle acque. Dopo aver tolto la parte liquida, gli esperti di spurgo fognature Roma utilizzano dei getti di acqua pressurizzata per staccare dalla superfice e dal fondo del pozzo i fanghi che si possono depositati.